FOCUS ON > MI AMI – LIVE REPORT 08.06.2014

Come ogni anno da ormai 10 anni, all’Idroscalo di Milano, dove si trova il celebre locale milanese, cioè il Circolo Magnolia, viene organizzato un magnifico festival all’insegna della musica indipendente italiana: il MI AMI.
Quest’anno il festival si è svolto il 6, 7 e 8 Giugno e ha visto salire sui propri palchi band del calibro di: Le Luci della Centrale Elettrica, The Zen Circus, Lo Stato Sociale, i Mellow Mood, i Marta sui Tubi e molti altri.
Oltre a sostenere e a dare spazio a moltissime band provenienti da tutta Italia, il festival dà spazio anche agli espositori dedicando loro una zona apposita con mercatini, merchandising delle band e stand di diversi festival della zona.
Io sono stata al festival l’ultimo giorno, cioè Domenica 8 Giugno e gli artisti che si sono esibiti sono stati:

Palco Sandro Pertini:
– There Will be Blood
– Nicolò Carnesi
– Pierpaolo Capovilla
– Marta sui Tubi
– Le Luci della Centrale Elettrica

Palco la Collinetta:
– Pocket Chestnut
– Violacida
– Gli Amanti
– The Gluts
– Plastic Made Sofa
– Lilies on Mars
– Green Like July
– Fast Animals And Slow Kids

Il primo gruppo a salire sul palco e a rompere il ghiaccio sono stati i Pocket Chestnut, che sul Palco della Collinetta hanno regalato al proprio pubblico un live davvero strepitoso; a seguire i Violacida e successivamente Gli Amanti, band entrambe molto interessanti e dal sound davvero unico e particolare.
Alle 18:30 è il turno dei There Will be Blood e ci si sposta al Palco Sandro Pertini, dove la band coinvolge totalmente il pubblico con il suo sound blues/rock; seguono poi, sul Palco della Collinetta, i The Gluts, band davvero affascinante e dalle sonorità psichedeliche e punk.

MI AMI INT

Alle 19:20 Nicolò Carnesi sale sul Palco Sandro Pertini e il cantautore offre al proprio pubblico una magica interpretazione dei pezzi tratti dal suo ultimo album “Ho una galassia nell’armadio”;  intanto sul Palco della Collinetta si esibiscono i Plastic Made Sofa, band bergamasca dal sound indie, rock e psichedelico. Sul Palco Sandro Pertini viene poi il turno di Pierpaolo Capovilla, leader de Il Teatro degli Orrori, che mostra il proprio talento nell’interpretare i testi delle proprie canzoni non solo con le parole ma anche con i gesti, l’artista infatti si commuove più volte, urla e gesticola, facendo calare il pubblico in un vero e proprio spettacolo teatrale.
Sul Palco della Collinetta nel frattempo suonano le Lilies on Mars, ma a causa della sovrapposizioni dei concerti non ho potuto assistere al loro concerto.
Seguono poi i Green Like July, band dallo stile e dal carattere originale che porta una ventata di pop al pubblico milanese.
Sul Palco Sandro Pertini alle 21:30 è il turno dei Marta sui Tubi, che coinvolgono subito i fans con la loro scaletta che comprende anche l’ultimo brano “Salva gente” e una cover degli Afterhours, mentre al Palco della Collinetta il pubblico aspetta e freme per l’arrivo dei Fast Animals and Slow Kids che una volta dato via al live, danno inizio ad una vera e propria esplosione da parte della folla che poga e spinge (fomentata dalla stessa band) con lo scopo di distruggere il palco della collinetta. A quel punto ho deciso di scappare, e mi sa che ho fatto bene.
Per concludere la magnifica serata, sul Palco Sandro Pertini salgono le Luci della Centrale Elettrica, che con una scaletta più lunga rispetto agli altri artisti, salutano il pubblico che canta e conosce a memoria le loro canzoni, ponendo così fine alla serata che si conclude in un clima di magia e con un velo di malinconia.

Ecco la galleria completa della giornata: GALLERY

Autore: Valentina Genna
https://www.facebook.com/valentina.genna
http://valentinagenna.tumblr.com/
http://www.flickr.com/photos/33905964@N05/