“A Morte l’Amore”: Emozione attraverso testi e melodia

“A morte l’Amore”, in uscita il 25 Marzo, è il promettente e brillante album dell’omonimo trio pugliese che, si presenta all’esordio, forte di 10 tracce influenzate da un suono punk che va verso la disco anni ’70, il tutto rigorosamente cantato in italiano.

Un disco ben suonato, ben prodotto e ben interpretato che mette di diritto gli A morte l’Amore tra le band più interessanti del panorama indie italiano attuale.

“A Morte l’Amore” è un nome bivalente, un nome talmente forte da influenzare tutte le sonorità del cd, uno slogan cruento o al contempo un auspicio alla fine dell’oltraggio: lunga vita all’amore, ma a morte l’abuso del termine che se ne fa.

La voce dolce di Giuseppe Damicis (voce/chitarra) si amalgama perfettamente ai suoni di batteria di Simone Prudenzano e  di basso di Mauro Capogrosso che, creando un’alchimia perfetta e miscelando il loro buon talento, riescono a descrivere  scenari cruenti e altresì sensuali.

Grande è la capacità di unire le diverse parti, senza lasciare mai che sia una in particolare ad a emergere ma piuttosto facendo in modo che i brani acquistino tutti un’essenza propria. Forse l’uso del fuzz mescolato a ritmiche che sono un incrocio tra lo stoner rock e i Depeche Mode a volte risultano essere un po’ eccessive e pesanti, soprattutto spalmate su tutte le tracce. La voce a tratti risulta essere un po’ caotica e le parole non vengono scandite come si dovrebbe in un disco.

L’album si apre con “Giuditta”: personaggio biblico fautore di una decapitazione o donna protagonista di un immaginario incontro erotico?

La musica degli A morte l’Amore è espressione di emozioni attraverso testi e melodia. A volte complicate, a volte più semplici. C’è tutto dentro! Vita di strada, vissuta,  desideri, persone, gesti, sesso, odio, amore e tutto quello che ci fa drizzar la pelle e salire il sangue.  Un album che scorre e ti ingabbia.

TRACKLIST:

  1. Giuditta
  2. I Colpi
  3. Chi vive d’amore muore di fame
  4. Anche al buio potrei
  5. Shey Shey
  6. Ho smesso
  7. Mi abbracci, mi accoltelli
  8. Bugie
  9. Ti guardo
  10. Come mi vuoi

 

Autrice: Simona Luchini