PLAYLIST N.12 – Notturni – Testimonianze dalle ore piccole

Chi di noi non ha vissuto un’esperienza notturna di quelle da raccontare? Un’avventura folle, emozionante, dolorosa, magari profondamente istruttiva, vissuta lontano dalla luce del sole? O anche solo l’incontro con qualche soggetto curioso, la visione di una scena assolutamente inedita… La notte, si sa, è un buon rifugio per tutto quello che è eccentrico, eterodosso o che semplicemente evita di gironzolare in fascia protetta. Ed è così che dopo il tramonto la città comincia a popolarsi di nuovi personaggi: prostitute e festaioli alle prime esperienze coi loro tuxedos, brutti ceffi e studenti introversi in cerca di rivalsa sulla pista da ballo. Vi accorgerete che in mezzo a quest’umanità così variegata non bisogna cercare molto per trovare materiale da canzoni.

I brani di questa playlist raccontano la notte da dentro: party a numero chiuso, scazzottate, locali gremiti e stazioni della metro senza un’anima; mostrano l’incosciente eccitazione di chi esce di casa, la spensieratezza del dancefloor e l’intima solitudine delle strade sulla via del ritorno. Vogliono disperatamente caricarci, incuriosirci ad esplorare il buio. E se mai ci saranno ferite da leccare proveranno a consolarci e ci suggeriranno dolcemente che è giunta l’ora di tornarcene a casa.

The Wombats, Techno Fan

Franz Ferdinand, Michael

Jake Bugg, Seen It All

Bloc Party, Kreuzberg

Paolo Nutini, These Streets

Arctic Monkeys, When The Sun Goes Down

Autore: Francesco Verrone