THE ZEN CIRCUS – LA BAND IN GARA ALLA 69ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO. Dal 5 al 9 febbraio 2019 Teatro Ariston

THE ZEN CIRCUS 

PARTECIPANO ALLA 69ª EDIZIONE DEL 

FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO 

dal 5 al 9 febbraio 2019 Teatro Ariston

THE ZEN CIRCUS parteciperanno alla 69ª Edizione del Festival della canzone italiana di Sanremo con la canzone “L’amore è una dittatura”.

La band è fra i campioni in gara a Sanremo 2019, che andrà in onda su Rai 1 dal 5 al 9 febbraio 2019 in diretta dal Teatro Ariston.

 

THE ZEN CIRCUS – BIOGRAFIA (1998 – 2018)

Il Circo Zen, da Pisa. Dieci album ed un Ep all’attivo, venti anni di onorata carriera ed oltre mille concerti. Ha riportato lo spirito padre del folk e del punk al moderno cantautorato con “Andate Tutti Affanculo” (2009), un album che l’ha consacrato dopo anni di duro lavoro. Il disco – per Rolling Stone fra i migliori 100 album Italiani di tutti i tempi – ha contribuito a definire la nuova generazione della musica italiana degli anni zero.
Il loro talento è stato riconosciuto anche da importanti artisti internazionali, che hanno scelto di collaborare con loro, come Violent Femmes, Pixies e Talking Heads.
The Zen Circus si è costruito una credibilità condivisibile da pochissimi altri artisti nostrani grazie all’attività live più incessante, urgente e di qualità che si possa immaginare. Ha confermato e moltiplicato il proprio pubblico con “Nati Per Subire” (2011) fino a raggiungere la top ten della classifica Fimi/Gfk ed il primo posto di quella generale di iTunes con “Canzoni Contro La Natura” (2014).
Nel 2016 esce “La Terza Guerra Mondiale” ed entra direttamente al 6°posto della Classifica FIMI/Gfk dei dischi più venduti in Italia, aumentando la loro già ampissima fanbase e incantando la critica, che li aveva sempre premiati. Il disco è stato presentato in un lunghissimo tour durato quasi un anno.
“La Terza Guerra Mondiale” è stato recensito dalle principali testate nazionali, ricevendo un enorme consenso.
Oggi più che mai il gruppo si conferma come una certezza del rock indipendente Italiano, portabandiera indiscutibile della musica libera da vincoli: zero pose, zero hype, ma solo tanto, tanto sudore. Questa attitudine è stata premiata nel tempo da un pubblico affezionato e sempre più trans generazionale, che riempie ormai da anni i migliori club e festival del paese.
Il 2 marzo 2018 è uscito il nuovo disco “Il fuoco in una stanza” (Woodworm Label/La Tempesta Dischi) che, nella settimana di uscita, è entrato direttamente al 7° posto nella classifica dei dischi e al 1° posto dei vinili più venduti in Italia secondo FIMI/Gfk, rimanendo per ben 10 settimane in classifica.
The Zen Circus hanno presentato l’ultimo disco “Il fuoco in una stanza” in televisione, in programmi come “Ossigeno” di Manuel Agnelli e nella trasmissione “Brunori Sa”, condotta da Brunori Sas, in onda su RaiTre. La band è stata, inoltre, protagonista di una puntata monografica di Sky Arte Sessions, in onda su Sky Arte HD.
Sono stati intervistati dai maggiori telegiornali nazionali, quali TG1 Rai, TG2 Rai, TG3 Rai, Sky Tg24, TGCOM24 e Rai News 24.
Tra le ultime apparizioni televisive, la band è stata ospite musicale della settima puntata della terza stagione della fiction di Rai1 “Tutto può succedere” (9 luglio).
Inoltre, il programma di culto di Rai3 “Blob” ha trasmesso integralmente il nuovo video de “Il mondo come lo vorrei” nella puntata di domenica 8 luglio.
L’album è stato presentato nei giornali radio Rai (GR1 e GR2). Gli Zen Circus, inoltre, sono stati ospiti in studio in diversi programmi radiofonici, tra cui Rai Radio1, Rai Radio2, Radio 105, Radio Deejay, Radio24, e in numerose altre radio.
Inoltre, Rai Radio 2 ha trasmesso un intero concerto dei The Zen Circus, per Radio2live, in diretta dalla sala B di via Asiago.
Il disco è stato recensito dalle principali testate nazionali e riviste di settore. Ne hanno parlato Il Venerdì di Repubblica, Il Corriere della Sera ed. Nazionale, La Repubblica Nazionale, QN – Quotidiano Nazionale, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Il Secolo XIX, ma anche riviste come L’Internazionale, Vanity Fair, TV Sorrisi e Canzoni, Rolling Stone e molte altre.
Il 2018 ha visto anche la partecipazione della band sul palco del Concerto del Primo Maggio di Piazza San Giovanni a Roma e la consegna del premio “PIMI Speciale 2018” assegnato dal MEI per “la loro carriera ventennale all’insegna della coerenza e della continua ricerca di qualità musicale e testuale all’interno del circuito indipendente”.