Nessuno è a Cosenza – Giovanni Truppi live al Festival delle Invasioni 2019

Testi, foto, video e riflessioni a cura di Maurizio Lucchini

E’ tarda notte a Cosenza, è tarda notte al Festival delle Invasioni 2019. Dalle 20,30 si sono esibiti su 2 palchi numerosi artisti di generi diversi tra loro. (vedi le photo gallery di Mike Lennon , NaytIZI e Maria Antonietta)
E’ tarda notte a Cosenza, è estate ma fa abbastanza freddo quando sul palco sala con la sua cannottiera, Giovanni Truppi.
L’ho sentito casualmente durante un viaggio in macchina diversi anni fa e il suo brano Nessuno non mi è più uscito dalla testa.
L’ho visto molte volte da allora, dai primi live per pochissimi intimi alle sale piene di gente.
L’orario scelto per il suo concerto non è stato certo dei più azzeccati, doveva essere le 23,30 ma di fatto non è iniziato che un’ora dopo, il freddo umido si faceva sentire, la gente che era a seguire i concerti dalle 8,  il mattino successivo avrebbe dovuto lavorare, e tutto questo non fa presagire nulla di buono. Quando però Giovanni Truppi sale sul palco la gente inizia a riversarsi nell’anfiteatro in cui suona, quasi ci fosse un magnete ad attrarla.
Truppi snocciola uno a uno tutti i pezzi del suo ultimo lavoro, alternandoli con alcuni dei pezzi più vecchi. Gente balla per la strada mentre altra lo incita come dei veri supporter di una squadra sportiva.

 

Inizia a farsi davvero tardi e Truppi non accenna a finire, dovrei andare via ma non posso farlo prima di sentire Nessuno.
Manca quasi solo quella. Ad un certo punto Giovanni Truppi conclude il concerto e saluta tutti.
E “Nessuno”??? Non poteva farmi questo, a costo di salire sul palco e costringerlo a suonarlo in disparte solo per me.
Invece no, falso allarme, i corsi dei sui fan lo fanno risalire sul palco e… miracolosamente ecco che parte cantando ill mio ragazzo si chiama Nessuno, Nessuno è il mio ragazzo.

Ero talmente preso che non ho pensato di registrarlo, cosa che mi ero ripromesso di fare, accontentatevi di un po’ di foto, quelle mi sono ricordato di farle.