Torna Lennon con “Imagine”, ma è Mike, non John!

Mike Lennon il giovane artista asiatico, che si è fatto conoscere al grande pubblico attraverso la sua ironia e il suo sarcasmo nel giocare con gli stereotipi dell’asiatico percepito normalmente dalla comunità occidentale, rendendo quello che da piccolo era per lui motivo di derisione un aspetto chiave del suo progetto sia a livello visivo che sonoro, abbandona momentaneamente l’umorismo per lanciare un messaggio sentito e di grande sensibilità, pubblicando su Youtube un suo tributo a John Lennon (uno degli artisti che lo hanno maggiormente inspirato e da cui ha preso spunto per il suo nome d’arte).

 

In questo momento così difficile e di grande emotività che il nostro Paese sta vivendo, l’artista vietnamita ha voluto dare un suo contributo con una sua personalissima versione di “Imagine” di John Lennon: come lo stesso Mike Lennon spiega sui social, non è una semplice cover del brano dell’ex Beatles, ma “un omaggio al mondo intero, per ricordarci che non siamo soli e che assieme vinceremo questa battaglia”.  

Foto di Maurizio Lucchini

OLA PIÙ CHE MAI CI LICOLDIAMO DELL’IMPOLTANZA DELLA VITA, E CHE OGNI SINGOLO SECONDO CHE VIVIAMO NON VA SPLECATO E DATO PE SCONTATO. HO PENSATO TANTO IN QUESTI GIOLNI: SO DI NON ESSELE STATO L’UNICO A SOFFLILE LA PELDITA DI UN FAMIGLIALE E HO SENTITO L’ESIGENZA DI DEDICALE AL MONDO E CHI SOFFLE UNA CANZONE SCLITTA DA PAPÀ JOHN CILCA 50 ANNI FA, E CHE OLA PIÙ CHE MAI HA SENSO DI ESISTELE. NON È SOLO UNA COVEL, MA UN OMAGGIO AL MONDO INTELO E A CHI STA PASSANDO UN BLUTTO MOMENTO, PE LICOLDALCI CHE NON SIAMO SOLI, CHE TUTTO CIÒ NON SALÀ PE SEMPLE. LIMANIAMO UNITI E VINCELEMO ANCHE QUESTA BATTAGLIA.

FOLZA ANDLÀ TUTTO BENE 🙏 🌎

Foto di Maurizio Lucchini

Mike Lennon, all’anagrafe Duc Loc Michael Vuong, è un designer, grafico, produttore e rapper nato a Parma il 9 Ottobre del 1995. Inizia giovanissimo ad appassionarsi al rap, costruisce in un garage il suo primo studio di registrazione e per circa 4 anni affina il suo talento nelle produzioni. Finito il liceo, si trasferisce a Milano dove studia Design degli Interni al Politecnico. In questo periodo registra i suoi primi brani in inglese, produce giovani rapper della scena come Maruego e collabora con con artisti come Gue Pequeno, 2nd Roof, Zifou ed Emis Killa. A pari passo con la carriera da produttore, inizia un percorso molto importante per Mike insieme al fratello di Alessio, Lorenzo Buso, chitarrista, tastierista, dj e produttore con cui realizza “LennonHaze” il primo mixtape interamente in lingua inglese. Dopo il primo mixtape Mike inizia a lavorare a un progetto completamente inedito per la scena rap italiana: un “asian rap” che gioca sugli stereotipi che hanno gli occidentali sulla cultura orientale di cui Mike Lennon è il primo e unico esponente.