“Rise –Up. Musica oltre le distanze”: la rassegna che riporta la musica live a Cosenza

A cura di Maurizio Lucchini

Dopo il lockdown musicale a seguito del #COVID19, la musica torna ad essere protagonista nella città di Rende, a Cosenza.

A fine mese, precisamente dal 28 al 30 luglio, arrivereanno 3 giorni musica live, tre giorni di grandi concerti, all’interno della rassegna “Rise-Up. Musica oltre le distanze”, allo stadio Marco Lorenzon.

Basta concerti in streaming, basta audio dai balconi delle case, con questa iniziativa,  ideata e realizzata da Be Alternative Eventi e Mood Social Club – e patrocinata dal Comune di Rende, si torna alla musica dal vivo,  garantendo allo stesso tempo il massimo della sicurezza.

Ma cosa è “Rise-Up. Musica oltre le distanze”? 
Si tratta di una  assegna pensata per soddisfare pubblico con gusti musicali differenti diversi, attraverso tre serate che vedranno i concerti essere i veri protagonisti.

Le prime due serate, targate Be Alternative, ospiteranno l’XI edizione del Be Alternative Festival, una manifestazione che negli anni ha visto sul palco importanti artisti della scena musicale italiana contemporanea tra cui  Salmo, Lo Stato Sociale e Gazzelle.
Un appuntamento divenuta punto di riferimento per la musica alternativa dal vivo in Calabria.

Martedì 28 Luglio inaugureranno il Festival: Murubutu accompagnato dalla corista DIA – rapper e cantautore italiano che unisce l’hip hop con la letteratura, la storia e la filosofia per creare storie metaforiche complicate ma estremamente affascinanti sia nel suono che nei testi – e Margherita Vicario – artista a 360 ° gradi, capace di comunicare il suo grande talento sia dal vivo che sul web e di ammaliare il pubblico con un mix che dosa sapientemente tutte le sfumature di una donna consapevole del proprio valore, del proprio coraggio ma anche della propria femminilità. Caratteristiche che riporta appieno anche nei suoi brani.  In apertura due talentuosi artisti calabresi L’Ennesimo e Paranoid, mentre la selezione musicale sarà affidata alle sapienti mani di DJ Kerò.

Mercoledì 29 luglio, secondo giorno del Be Alternative Festival,   vedrà protagonisti i Bud Spencer Blues Explosion –  famosissimo duo rock italiano che negli anni ha collezionato centinaia di concerti in Italia ed Europa, pubblicato 5 album ed 1 EP ed avviato importanti collaborazione – e Giardini Di Mirò performing il Fuoco- puro talento emiliano che dalla fine degli anni 90 ricerca nuove forme sonore piuttosto inusuali per il panorama italiano. Dal post-rock degli esordi, la loro musica si è progressivamente evoluta, assorbendo influenze, soprattutto anglosassoni, ma senza rinunciare a una sua peculiarità tutta italiana. A scaldare i motori ci penseranno My Own Mine e Al The Coordinator. La selezione musicale sarà a cura del dj e producer Fabio Nirta.

 

Giovedì 30 giugno, ultima, ma non meno importante,  giornata della rassegna “Rise-Up. Musica oltre le distanze2”, questa giornata ssarà dedicata a tre mostri sacri della musica italiana.
Attraverso il tributo musicale “Il Mood Canta: De André, Battisti e Dalla” sarà possibile ripercorre decenni di storia e tradizione italiana.
L’evento sarà a cura e a sostegno del Mood Social Club di Rende, live club nato nel novembre 2018 e che in solo un anno e mezzo ha realizzato circa 120 concerti ed altrettanti Dj Set, ma anche mostre, mercatini, spettacoli di stand up comedy, cineforum e workshop diventando punto di riferimento non solo per la movida ma anche per le tournée nazionali di molti artisti italiani.

Tutti i concerti inizieranno alle ore 21.00, mentre sarà possibile accedere all’area dell’evento già a partire dalle ore 20.00.

I biglietti sono già disponibili sul sito www.inprimafila.net , i posti saranno limitati dal momento che tutti gli spettacoli si svolgeranno nel rispetto delle normative di sicurezza anti-covid incluso le regole di distanziamento, i posti saranno a sedere, con un distanziamento minino tra uno spettatore e l’altro di almeno 1 metro.

“Rise-Up. Musica oltre le distanze”: spazio a nomi attesi, spazio agli artisti locali e spazio alla musica. Ricominciamo tutti insieme da qui.