[INTERVISTA] RIBALTAVAPORI

Intervista al cantautore RIBALTAVAPORI di Alessia Carolina De Rosa.

Innanzitutto salve e mi complimento con te per la scelta del nome, sai amo il cibo e ogni riferimento ad esso è sempre bene accetto.

1) Domanda: Dal vocabolario Triestino- Italiano il nome Ribaltavapori è definito con la seguente dicitura: Nome scherzoso dato ai girai (latterini) piccoli pesci. Perché questa scelta legata al mondo culinario?

 

La prima volta che ho letto questa parola mi ha incuriosito e mi ha fatto sorridere all’istante. Nonostante sia formata da due parole italianissime è la parola dialettale per definire la frittura di pesciolini che rientra tra le tipicità della gastronomia triestina. Amo Trieste e volevo omaggiarla. Inoltre, lavoro in pescheria e me la cavo egregiamente ai fornelli!

2)Domanda: Quando e come è nato il progetto musicale “Ribaltavapori”?

 
Il progetto è nato all’incirca un anno fa, con il mio trasferimento volontario a Trieste. Tre anni fa, dopo un periodo buio a seguito di delusioni artistiche, mi è tornata la voglia di suonare e, così, ritrovata la serenità, ho ripreso a scrivere.  


3) Domanda: Vieni dalla magica Trieste, città mitteleuropea, crocevia di culture e tradizioni, complice nell’influenzarti musicalmente;
ma se fossi vissuto in un’altra città di mare l’orientamento musicale sarebbe stata più o meno simile?

 
Trieste incide e non poco. È una città unica. Ho bisogno del contatto con il mare e di tutto quello che il mare porta con sé. Avessi vissuto a Genova, Napoli, Barcellona, mi sarei sentito bene e la voglia di suonare sarebbe tornata comunque, ma le canzoni non sarebbero sicuramente state le stesse. 

4) Domanda: Quali sono le band nazionali/internazionali e i generi da cui trai maggiore ispirazione?
 
Ho un gusto musicale davvero variegato. Ascolto musica individualmente da quando avevo 11 anni. I miei “primi amori” sono stati i Pink Floyd, i Beatles, Jimi Hendrix, e tanto jazz con il nonno. Tra gli italiani idolatro i mostri sacri: De andrè, Battisti, Dalla, Gaetano, Bennato, Vasco.
Negli ultimi anni i miei ascolti internazionali hanno spaziato da Tom Jobim ai Radiohead, da Billie Eilish a Billie Holiday, dai Beach Boys, Portishead.
Nonostante non segua molto il panorama nazionale attuale apprezzo Brunori sas, Giorgio Poi, i Selton.

5) Domanda: Il tuo singolo d’esordio è “Sex&Sauvignon”, la cui uscita è programmata per il 21 settembre. Anche qui riferimento al cibo, in particolare
Sauvignon è, per i profani, un vitigno a bacca bianca, proveniente dalla zona francese di Bordeaux ma coltivato anche in Friuli da cui si ricavano i vini pregiati Sauternes. Parlaci di questo brano.

 
Prima di tutto amo il vino buono e il cibo. 
Questa canzone parla di una prima serata tra un uomo e una donna. Lui la porta a cena e sfodera tutte le sue carte per ottenere quel che vuole. Lei fa la preziosa ma si auspica lo stesso finale di serata. Diciamo che due calici di Sauvignon la aiuteranno a lasciarsi andare.
Queste situazioni, vissute non solo in prima persona, mi hanno sempre divertito. Ho voluto, quindi, rendere in modo ironico questa situazione, anche per prendermi un po’ in giro visto che somiglio molto a Diego, protagonista della storia!

6) Domanda: Nel singolo sotto le note di una samba canção, racconti la storia di Diego e Silvia. Nella descrizione del video sul tuo canale YouTube definisci la stessa storia come convenzionale e quasi banale, ma nonostante ciò è stata oggetto della tua canzone, perchè?

 
In primis, come già detto nella risposta precedente, ho sempre amato le cene accompagnate da buon vino -per dirla tutta preferisco il rosso- in buona compagnia. E poi mi divertono questi piccoli tabù, divieti, inibizioni, tipici degli italiani e che sono probabilmente influenzati dalla nostra cultura. 

7) Domanda: Steps successvi dopo “Sex&Sauvignon”? Quali sono gli obiettivi futuri che Ribaltavapori si è posto di raggiungere ?Ora sta per uscire il primo singolo di questo mio progetto solista e ne sono molto contento. Tra un paio di mesi uscirà L’EP contenente altre 4 canzoni di cui un’altra uscirà come singolo e videoclip. Nonostante la mia pigrizia e la pescheria che mi trattiene per 40 ore la settimana, sto già scrivendo delle nuove canzoni che spero di poter far uscire in un vero e proprio album. L’obiettivo è quello di continuare a vivere così come ora. È un periodo molto felice, ho conosciuto un sacco di persone straordinarie, alcune di queste mi aiutano con il progetto e sono ormai indispensabili perché da soli è veramente impossibile. Ovvio che l’altro obiettivo, quello recondito, è quello di arrivare a più persone possibile, di diventare famoso e di comprarmi una bella villa con piscina in costiera!! 

 

7) Step successvi dopo “Sex&Sauvignon”? Quali sono gli obiettivi futuri che Ribaltavapori si è posto di raggiungere ?

Ora sta per uscire il mio primo singolo di questo mio progetto solista e ne sono molto contento. Tra un paio di mesi uscirà L’EP contenente altre 4 canzoni di cui una uscirà come singolo e videoclip. Sto già pian piano (nonostante la mia pigrizia e la pescheria che mi trattiene per 40 ore la settimana) scrivendo delle nuove canzoni che spero di poter far uscire
in un vero e proprio album. L’obiettivo è quello di continuare a vivere così come ora, sto passando un periodo molto felice, ho conosciuto un sacco di persone straordinarie in questi anni, alcune di queste mi aiutano con questo progetto e sono ormai indispensabili perché da soli è veramente impossibile. Ovvio che l’altro obiettivo è quello di arrivare a più persone
possibile per comprarmi una bella villa con piscina in costiera. 🙂