3 minuti 2 mesi

Ieri a Badolato, lo staff organizzativo di  Ceilings, progetto di ricerca promosso e organizzato dall’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, giunto quest’anno alla quarta edizione, ha dato il via ufficiale alla Summer School.

Il Leitmotiv di questa quarta edizione di Ceilings è “Reti di Comunità“. 

Iniziata un mese fa, a Mantova con una prima tavola rotonda su “Le Comunità in rete”, si è spostata ora a Badolato, in provincia di Catanzaro, un luogo esprime chiaramente, nei fatti, il significato delle parole Comunità, Accoglienza, del fare rete.

Il paese di Badolato, ospiterà,per 4 giorni, una serie di iniziative che vedono coinvolti studenti e docenti  provenienti da tutta Italia.

Coordinati dai docenti dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro Simona Caramia, Maurizio Lucchini, Andrea Grosso Ciponte, Simona Gavioli e Maria Saveria Ruga.

Workshop e approfondimenti formativi vedranno la partecipazione di Francesco Cuteri, archeologo, Domenico Cersosimo, docente Unical, Antonella Gioli, docente Università di Pisa, Chiara Mortari, docente dell’Università di Brescia, Giacomo Triglia, regista e docente all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, Camilla Federici, docente Università di Brescia, l’artista Silvia De Gennaro, Maurizio Gaetano Lucchini, docente Accademia di Belle Arti di Catanzaro, Andrea Brogni, direttore scientifico dell’Accademia di Belle Arti di Pisa – Alma Artis, Francesca Giordano, docente Accademia di Belle Arti di di Catanzaro . 

L’evento sarà coperto da contenuti audio e video, realizzati dai docenti e fotografi delle Accademie di Belle Arti: Simone Bergantini, Sonia GolemmeCristina Gavello, Roberto Privitera.

La prima giornata ha visto inoltre un  incontro con Domenico Cersosimo, Professore Ordinario  di Economia Applicata al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università della Calabria, coordinato dalla docente e storica dell’arte  Maria Saveria Ruga, dal titolo “di borghi e di Paese. Territori del margine e reti di comunità – Il belpaese che dimentica i Paesi” con la partecipazione

Ecco alcuni momenti della prima giornata: